Possibili aree di interesse per il preparatore galenico basate sulle stagionalità

Niccolò Cucciolla ci parla sulle possibili aree di interesse per il preparatore galenico relativo a preparazioni per risolvere i problemi più comuni legati alle stagionalità.

0
preparatore galenico

Una grande risorsa offerta dal laboratorio galenico è quella di poter realizzare preparati officinali utili nel trattamento di patologie stagionali. Così come si pianificano gli acquisti di prodotti industriali in base ai mesi dell’anno, analoga programmazione può essere adottata per ricercare ed eseguire preparazioni officinali “strategiche” e mirate ad un determinato periodo. Come già analizzato negli articoli precedenti, la personalizzazione d’immagine del preparato officinale crea un legame molto forte tra paziente e Farmacia/Parafarmacia; un’etichetta curata, un packaging accattivante, un collaboratore responsabile del reparto galenico che sia in grado di spiegare la realizzazione ed il corretto utilizzo del preparato, sono infatti in grado di fidelizzare la clientela, orientandoli alla scelta del prodotto creato dal laboratorio galenico: “Quello che fate voi”, come tanti acquirenti pronunciano.

La primavera è riconosciuta come la stagione dei fenomeni allergici, non solo a carico delle vie respiratorie, ma anche del derma. La Farmacopea Ufficiale Italiana (F.U.I. XII) ci consente di poter preparare come multiplo officinale la Prometazina crema (Prometazina 1-2% in crema base qb 100 g). La monografia dà piena libertà di scelta del veicolo semisolido, purché la formulazione sia quella di una crema base presente in una Farmacopea di uno Stato membro; sono inoltre da evitare creme preservate con nipagina e nipasolo in quanto potrebbero creare problemi “reologici” in fase di preparazione.

Nei mesi estivi sono frequenti le punture di insetto ed il contatto con le meduse, in grado di provocare gonfiore, irritazione cutanea e dolore. Il Formulaire Thérapetique Magistral del Ministero della Salute Belga (F.T.M. I ed.) propone una soluzione idroalcolica di Alluminio cloruro (3-15%) che, oltre ad essere un ottimo trattamento per l’iperidrosi, può essere utilizzato come astringente proprio a seguito di fenomeni infiammatori causati da punture di insetti e meduse. La monografia prevede l’utilizzo di alluminio cloruro esaidrato (3-15%), alcool isopropilico (78%) acqua depurata (q.b. 100g); la data limite di utilizzo è di 2 mesi e può essere dispensato senza obbligo di prescrizione.

L’autunno è la stagione dei primi bruschi cali di temperatura e quindi dei raffreddori. La vitamina C è comunemente utilizzata come ricostituente ad azione di sostegno nelle influenze. Se il laboratorio galenico è dotato di una comprimitrice, è possibile creare come multiplo officinale le compresse di acido ascorbico (Acido Ascorbico compresse FUI XII; Ascorbic Acid Tablets BP 2016), altrimenti se si possiede una incapsulatrice manuale è possibile preparare delle capsule di Rosa canina E.S. titolata al 70% in vitamina C come preparazione a base di piante ai sensi della Nota del Ministero della Salute 5/12/2002.

Nel periodo invernale sono frequenti le congestioni nasali così come diverse patologie non complicate a carico del primo tratto del sistema respiratorio. Ancora una volta il rimedio fitoterapico viene incontro a quei pazienti adulti che non tollerano o non possono assumere farmaci vasocostrittori topici con proprietà decongestionanti. La FUI XII riporta la monografia Mentolo e Niaouli gocce (Mentolo racemico 0.5g, Niaouli essenza 1,5g Olio vegetale g 98). L’olio essenziale di Niaouli, estratto dalle foglie di Melaleuca quinquenervia, oltre ad avere proprietà balsamiche ha mostrato in uno studio in vivo su modello murino delle proprietà immunomodulatorie con meccanismi di attivazione dei linfociti T [1]; così come il mentolo che, oltre ad alleviare la sensazione di naso chiuso attraverso la sua azione balsamica e secretolitica, in un recente studio ha mostrato attività antibatterica nei confronti di S. aureus [2] con un possibile meccanismo di scompaginazione della porzione lipopolisaccaridicica della parete del batterio. Il preparato officinale può essere conservato in flaconi di vetro scuro con contagocce, al riparo dalla luce e dal calore. Avvertenze: il preparato è indicato solo per gli adulti ed è controindicato in soggetti allergici ai componenti dichiarati in etichetta. La preparazione anche in questo caso può essere allestita come multiplo (max 3kg o 3 lt) e venduta senza obbligo di ricetta.

[1] Essential Oil of Niaouli Preferentially Potentiates Antigen-Specific Cellular Immunity and Cytokine Production by Macrophages Sang-Yun Nam, Mi-Hye Chang, Jeong-Su Do, Hyo-Jung Seo, and Hong Keun Oh Immunopharmacology And Immunotoxicology Vol. 30 , Iss. 3,2008

[2] Antimicrob Agents Chemother. 2005 Jun; 49(6): 2474–2478. doi: 10.1128/AAC.49.6.2474-2478.2005 PMCID: PMC1140516Mechanisms of Antibacterial Action of Three Monoterpenes
Domenico Trombetta et al.

Esperto Risponde: Invia domanda

CONDIVIDI
Articolo precedenteI diversi elementi della prima pagina di Google
Articolo successivoLa fitoterapia come supporto professionale all’attività di farmacista
Laureato in Farmacia Industriale presso l'università di Roma La Sapienza, ha ricoperto il ruolo di farmacista preparatore e coordinatore di controllo qualità presso una di officina di produzione di integratori; in seguito ha collaborato in diverse farmacie come farmacista preparatore galenico. Ha conseguito un master in preparazioni galeniche ad uso umano e veterinario presso l'università di Roma La Sapienza, attualmente socio UGI (Unione Galenisti Italiani).