La Gazzetta Ufficiale della Repubblica N°99 del 30.04.2014 riporta la pubblicazione del Decreto Ministeriale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 24 aprile 2014 in cui si evince che:
Le farmacie con numero di dipendenti inferiore a 10 unità non sono tenute all’iscrizione al SISTRI, continuando, così, lo smaltimento dei rifiuti speciali e pericolosi in forma cartacea con l’emissione del formulario tramite azienda accreditata.
E’ opportuno che le farmacie che rientrano nella categoria < 10 che a suo tempo determinarono l’iscrizione al SISTRI effettuino la cancellazione entro il 30 giugno 2014 onde evitare il pagamento del contributo previsto.

Ricordiamo che le farmacie sono produttori e detentori (in forma diversa per servizi erogati e per quantità) di rifiuti Urbani e di Rifiuti Speciali e Pericolosi quali quelli evinti negli Allegati del D.L. 101/2013:

  • Q3 – prodotti scaduti
  • Q16 – prodotti di ogni altra natura non classificati
  • H4 – rifiuti della categoria irritanti
  • H6 – Rifiuti Tossici
  • H9 – Rifiuti infettivi
  • 0705 – Acque Madri

© Riproduzione riservata

Quanto riportato esprime contenuti ed opinioni personali dell’autore che ha scritto il post. Queste opinioni non coincidono necessariamente con quelle di FarmaciaVirtuale.it.

Gennaro Oliviero, nel 1991 già consulente di compliance aziendali, si è occupato di certificazioni ISO e di Strategy Management nelle PMI. Dal 1998 si occupa del settore farmacie specializzandosi nelle cogenze sicurezza del lavoro, Haccp e privacy. Autore della "norma" di armonizzazione "PHS Standard per la Farmacia", consulente, forense e di alcuni enti, assiste oltre un migliaio di farmacie in 15 regioni italiane.