La Tilosina nella terapia dell’enteropatia antibiotico responsiva del cane

La tilosina è un antibiotico che fa parte della famiglia dei macrolidi. In commercio si trova solo sotto forma di polvere ed è approvato per l’utilizzo in animali da allevamento.
Ultimamente studi clinici hanno dimostrato che questo principio attivo può essere efficace per curare l’enteropatia antibiotico responsiva, acronimo ARE, nel cane. Questa patologia è un’enteropatia infiammatoria cronica che risponde alla terapia antibiotica. La fisiopatologia dell’enteropatia antibiotico responsiva non è ancora chiara, ma sicuramente la causa è connessa non solo al numero dei batteri ma anche al tipo di batteri che causano l’infezione. La mucosa intestinale viene quindi danneggiata e di conseguenza ne viene alterata la funzionalità. Ciò causa infiammazione e i sintomi tipici dell’enteropatia sono: colite, diarrea cronica, polifagia, coprofagia, anoressia, dimagramento, diminuito accrescimento dell’animale. La tilosina si è dimostrata efficace e sicura nel trattamento dell’ARE. Benché il suo meccanismo d’azione sia sconosciuto, il farmaco sembra essere efficace in alcuni cani refrattari ad altre forme di terapia. Il dosaggio varia da 10 a 15 mg/kg al dì suddiviso in due o tre somministrazioni. La tilosina oltre ad essere efficace per il suo effetto antibatterico, pare abbia anche delle proprietà antiinfiammatorie e agisce come agente calmante per l’intestino crasso di cani che soffrono di colite. La terapia è abbastanza lunga e deve essere continuata per almeno 4-6 settimane per evitare recidive o fenomeni di antibiotico-resistenza. Inoltre è opportuno abbinare prebiotici e probiotici, oltre ad una dieta altamente digeribile e povera di grassi. La tilosina ha una buona tollerabilità nei cani che sono in grado di tollerare anche alte dosi. Il farmaco viene eliminato attraverso le urine e non causa malattie epatiche. Non deve essere somministrato in concomitanza con farmaci come la digossina o con antibiotici come il cloramfenicolo. Evitare di dare tilosina ai cani che hanno avuto reazioni avverse agli antibiotici macrolidi come l’eritromicina. Siccome la tilosina come materia prima è reperibile, è possibile effettuare la preparazione galenica con il dosaggio scelto dal veterinario in base al peso dell’animale. Se viene prescritta per un animale da compagnia è necessaria la ricetta non ripetibile, riportante nome, cognome e indirizzo del proprietario dell’animale, tipo di animale e posologia .Poichè la tilosina risulta essere molto amara, la maggior parte dei cani potrebbero avere difficoltà ad assumerlo a meno che non si maschera il sapore. E’ quindi necessario preparare il farmaco in capsule che il cane deglutisce, oppure se il cane non assume la capsula il farmacista può aggiungere degli aromi alla polvere per mascherare il sapore.

Quanto riportato esprime contenuti ed opinioni personali dell’autore che ha scritto il post. Queste opinioni non coincidono necessariamente con quelle di FarmaciaVirtuale.it.

Ricevi gli approfondimenti per la tua professione

Riceverai periodicamente i contenuti e le analisi degli autori del Blog.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.
Mattia Travagliati
Mattia Travagliati è farmacista territoriale, iscritto all'Ordine dei farmacisti di Latina. Ha conseguito il Master di II livello in Fitoterapia presso l'Università di Roma "La Sapienza". Appassionato di galenica e legislazione farmaceutica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here