[Alfabeto Gestionale] EBITDA in farmacia

Alfabeto Gestionale è la rubrica di Giuseppe Salvato, commercialista “insolito” e docente di Capacità Gestionali e Relazionali presso il dipartimento di Farmacia e Biotecnologie dell’Università di Bologna, a cui diamo il benvenuto.

Lettera E: EBITDA

Letteralmente “Earning Before Interests, Taxes, Depreciation and Amortization”, in italiano MOL “Margine Operativo Lordo”.

Si tratta di un indicatore molto utilizzato nelle analisi di bilancio delle aziende perché consente di valutare velocemente la capacità di un’organizzazione di essere economicamente redditizia in ciò che è il suo core business.

La sua fama deriva dall’applicazione nelle grandi aziende che, magari, sono quotate in borsa e per le quali gli andamenti dei loro titoli sono direttamente collegati a tale indicatore, pur ovviamente non essendo l’unico.

L’entità di tale margine ovviamente si riflette sugli utili aziendali che, a loro volta, sono determinati appunto anche da tutto ciò che l’EBITDA non prende in considerazione: la politica finanziaria e fiscale di un’azienda, quella legata alle scelte relative alle modalità di investimento (ad esempio tra leasing o proprietà del bene) e alle strategie commerciali di concessione di credito alla clientela; tutte queste politiche si correlano tra loro e influenzano l’utile di esercizio finale.

Ma la domanda mi sorge spontanea: se per le grandi aziende esistono addirittura funzioni manageriali apposite che presidiano le politiche e il loro impatto sui profitti, che importanza ha parlare di EBITDA in farmacia, una micro azienda il cui utile è condizionato in gran parte dalla capacità di avere sotto controllo un altro margine, che chiamiamo margine di contribuzione (meglio, se gestito reparto per reparto)?

Ricevi gli approfondimenti per la tua professione

Riceverai periodicamente i contenuti e le analisi degli autori del Blog.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.
Giuseppe Salvato
Giuseppe Salvatohttps://nuovidea.it/
Commercialista insolito e docente di Capacità Gestionali e Relazionali presso il dipartimento di Farmacia e Biotecnologie dell'Università di Bologna. Ha interrotto da anni le attività tipiche della professione per supportare le aziende, e in particolare le farmacie, verso il cambiamento: nuove idee, controllo di gestione, sviluppo delle risorse umane. Ha fondato Nuovidea per una consulenza direzionale su misura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here